Dire di farsi DOMANDE è TROPPO VAGO – Podcast

Dire di farsi DOMANDE è TROPPO VAGO

Perché dire di “farsi domande” è troppo vago? Ecome possiamo formulare domande utili alla nostra mente per aiutarci a cambiare e e a risolvere i nostri problemi? Ecco in questo articolo e podcast audio insieme, come possiamo migliorare le domande da farsi.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

È vero che utile farsi domande per andare avanti nella vita, il problema sussiste quando le manteniamo troppo vaghee le formuliamo male. Così facendo le domande frenano anziché lanciarci su un trampolino di lancio.

Ecco perché io – quasi come un marchio distintivo ormai – parlo di “domande utili”, dinstinguendole, appunto, da quel “farsi domande” troppo generico e spesso dannoso anziché produttivo!

Di “domande utili” ne parlo in ogni dove (e salsa), ne parlo per rivolgersi ai figli, alla nostra mente, agli altri come le persone del nostro team in azienda.


Formazione Online

Gestisci i tuoi obiettivi con il giusto Mindset e la mente inconscia. Lavora per te, per il tuo futuro e per le tue relazioni di oggi. Questa formazione ti svelerà i segreti della comunicazione con la tua mente inconscia per ottenere ciò che vuoi e per relazionarti con le persone attorno a te. TUA per 150€

Voglio spaperne di più


Qui vorrei affrontare un aspetto ben preciso del farsi domande utili. Presupponiamo che una persona sappia formulare perfette “domande utili” e – tuttavia – non riesca a lanciarsi nella risoluzione dei suoi problemi.

Qual è per mia esperienza l’errore più comune?
Quello di non ripeterle, di non farle decantare, di non farle “mijoter”, cioè bollire a fuoco lento fino a che sono pronte! Se non se le ripete nella mente, e poi aspetta che facciano presa, se non aspetta che la ripetizione porti i suoi frutti… Ma piuttosto, si tende nell’attesa di rispose perfette “perché devono avvenire adesso”, “perché stimolata la mente, io sono pronto adesso”… ecco non funziona.

La mente ha bisogno di digerire, di dormirci sopra, di famigliarizzare con le domande utili e le possibili risposte. Farsi domande non è affatto sufficiente. Ho bisogno che la mente combini le domande utili con ambienti, situazioni, racconti, persone

ASCOLTA QUI IL PODCAST


Farsi domande quindi funziona se:

  • A. Le domande sono ben formulate
  • B. se le domande sono state fatte cuocere a fuoco lento e per lungo tempo.

Le risposte allora arrivano e arrivano giuste e copiose.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “Dire di farsi DOMANDE è TROPPO VAGO” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, di presentazione del metodo Indipendenza Emotiva. Ciao, grazie e a presto!




Parlati come parleresti alla persona amata. Applica oggi la PNL a tuo beneficio: in famiglia, in ufficio… nella tua mente e nel tuo cuore! Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.















Articoli più letti…


8 + 2 modi per MOTIVARSI a LUNGO TERMINE 8 + 2 modi per MOTIVARSI a LUNGO TERMINE
Motivarsi potrebbe anche essere facile, ma motivarsi a lungo termine è difficile in generale, e difficilissimo per alcuni d noi. In questo articolo analizziamo 7 modi + 2 per motivarsi e restare motivati fino a che non è sarà necessario. Nel…

Come ELIMINARE un'abitudine INCONSCIA Come ELIMINARE un’abitudine INCONSCIA
Chiamalo vizio, brutta abitudine, automatismo… Si tratta sempre di quel meccanismo incontrollato e che viaggia su un binario diverso da quello della nostra forza di volontà e che chiamiamo abitudine inconscia. Sull’onda del bel video su TED del…

5 COSE DA FARE quando si SMETTE di FUMARE 5 COSE DA FARE quando si SMETTE di FUMARE
E’ arrivato il momento di smettere veramente? Ieri o l’altro ieri hai deciso di smettere e così hai fatto? Ora però stai vivendo le prime difficoltà e vuoi una mano. Eccoti cinque suggerimenti preziosi per superare la prima settimana e il primo…





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *