L’indipendenza EMOTIVA SPIEGATA a mia FIGLIA – Podcast

L’indipendenza EMOTIVA SPIEGATA a mia FIGLIA

In questo articolo e con tre podcast audio, ti propongo strumenti di indipendenza emotiva spiegati a mia figlia. Tutto ciò che ho scritto e spiegato nel libro I segreti dell’Indipendenza Emotiva cerco quotidianamente di spiegarlo alle mie figlie in modo semplificato. Qui riporto tre concetti in tre audio per darti un esempio di come ogni giorno possiamo insegnare ai nostri figli l’indipendenza emotiva, semplicemente ed efficacemente.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

1 Nel primo audio ti parlo di mia figlia Emma che ha fatto una cosa “sbagliata”a suo giudizio. Ha visto la mia reazione e – anche se io distinguo sempre le bambine dalle loro azioni – lei mi ha detto che nella sua mente (il dialogo interno) una vocina interna le ha detto di essere una stupida. Allarme!


Corso dal vivo

Vuoi migliorare alcune relazioni sul lavoro o in famiglia? Vuoi gestire meglio le tue emozioni? Vuoi avere più tempo per pensare a cosa VOLER fare/essere/avere e non a cosa non volere più?  » Offerta in corso » TUA per 150€ anziché 180€

Voglio spaperne di più


Ecco come ho presentato a mia figlia di 7 anni il suo dialogo interno:

«Vedi amore, questa vocina interiore rappresenta la nostra voglia di migliorare. A volte rappresenta la paura di sbagliare o di far male a delle persone care… A volte è esagerata e bisogna frenarla prima che vada oltre… »
«Se poi si mette ad offenderci, bisogna risponderle così: “Ehi tipa! Ehi voce! Ho capito sai, so di aver sbagliato. Ora per favore però non offendere e non esagerare e io penserò a correggermi.”»

ASCOLTA QUI IL PODCAST




2 Nel secondo audio tratto l’indipendenza emotiva spiegata a mia figlia rivolgendomi alle emozioni. Noi non siamo le nostre emozionie le nostre emozioni non sono noi. Le emozioni sono un mezzo di interpretazione e comunicazione, punto. Noi non siamo il nostro dialogo interno, non siamo le nostre emozioni, non siamo le reazioni che abbiamo in società, non siamo le marachelle. Non siamo tutto questo e siamo tutto questo e oltre.

Ecco come spiego tutto questo alle mie figlie:

«Le emozioni ci servono per capire il mondo e per farci capire dal mondo. Se vedo una cosa che mi fa vergognare, è una mia reazione a ciò che accade. Se sono arrabbiata e un giorno lo mostro al mondo in un certo modo, la prossima volta potrò adottare un altro modo per mostrarlo al mondo.»

«La rabbia posso farla sparire come quando le lampade che cambiano colore passano dal giallo al rosa e poi dal verde all’azzurro. Oppure posso farla sparire immaginando un vulcano che sputa bolle di sapone…»

…e qui scatta la risata!

ASCOLTA QUI IL PODCAST




3 Nel terzo audio parlo dell’indipendenza emotiva spiegata a mia figlia concentrandomi sulle emozioni e la responsabilità di chi le prova. Se la figlia torna a casa e dice «Mamma, Romina è arrabbiata se faccio questo…»oppure se il figlio torna a casa e dice «Papà, Romeo è triste perché io non voglio fare questo…» succede un qualcosa di importante: il bambino capisce che le proprie azioni influenzano l’umore altrui.

Questo accade anche al contrario, le azioni degli altri influenzano il nostro umore. Ma è giusto? È così che deve essere? No!

Il lato positivo di questo è che se noi siamo educato, generosi e rispettosi, possiamo influenzare in positivo l’umore di persone a noi vicine. Il lato negativo è che brutte emozioni potranno innescare brutte reazioni.

Quindi se la “Romina” dell’esempio precedente è arrabbiata, le passerà solamente quando lei – Romina – lo deciderà. Non sta alle sue amiche risolvere lo stato emotivo di Romina.

Quindi, se mia figlia torna a casa e mi presenta un caso simile, appurato il fatto che non abbia fatto nulla di male per ledere alla tranquillità fisica o emotiva dell’amica, io sosterrò la posizione del “non sta a te risolvere le emozioni delle tue amiche”.

«Se la tua amica è arrabbiata con te perché in questo momento tu non vuoi giocare con lei, non è tuo il problema. È suo e solo lei potrà risolverselo.»

«Anzi, è tua responsabilità di amica non intervenire e lasciare che lei impari da sola a calmarsi. È un regalo prezioso che le fai, quello di imparare a gestirsi il proprio cuoricino da sola.»

ASCOLTA QUI IL PODCAST


L’umore altrui non dipende da noi e non è nostra responsabilità gestirlo! L’indipendenza emotiva spiegata a mia figlia e raccontata in questo articolo ti ha presentato dei modi semplici per spiegare l’utilità del dialogo interno, il ruolo delle emozioni e la responsabilità di chi le prova.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “L’indipendenza EMOTIVA SPIEGATA a mia FIGLIA” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, di presentazione del metodo Indipendenza Emotiva. Ciao, grazie e a presto!




Parlati come parleresti alla persona amata. Applica oggi la PNL a tuo beneficio: in famiglia, in ufficio… nella tua mente e nel tuo cuore! Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.















Articoli più letti…


IGIENE EMOZIONALE: cos'è e perché PREOCCUPARSENE IGIENE EMOZIONALE: cos’è e perché PREOCCUPARSENE
Da un secolo la nostra aspettativa di vita è cambiata perché ci prendiamo più cura della nostra igiene personale. Ma cosa succederebbe se tenessimo in conto l’igiene emozionale tanto quanto quella del corpo? Il simpatico psicologo Guy Winch in un…

Due meccanismi di MEMORIZZAZIONE INCONSCIA Due meccanismi di MEMORIZZAZIONE INCONSCIA
Come impara la mente inconscia? Come posso apprendere e – soprattutto – consolidare un nuovo comportamento desiderato? Sfruttando la “ripetizione” e la “velocità”. Noi apprendiamo con questi due meccanismi Due sono i segreti per la…

Come ELIMINARE un'abitudine INCONSCIA Come ELIMINARE un’abitudine INCONSCIA
Chiamalo vizio, brutta abitudine, automatismo… Si tratta sempre di quel meccanismo incontrollato e che viaggia su un binario diverso da quello della nostra forza di volontà e che chiamiamo abitudine inconscia. Sull’onda del bel video su TED del…





Comments 1

  1. Sono d’accordo fino a un certo punto! Ci sono dei casi in cui uno agisce e fa qualcosa di brutto o di bello per l’altro e questo influenza il suo stato emotivo! Altre volte, invece, siamo a posto con la coscienza, e allora la variazione di umore di chi ci è di fronte rimane un vissuto personale che, come dici tu, uno deve risolversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *