L’indipendenza emotiva, una lumaca e una proposta di matrimonio! – Podcast

L’indipendenza emotiva, una lumaca e una proposta di matrimonio!

Cosa vuol dire indipendenza emotiva e come si raggiunge? Significa essere perfetti e gestire ogni problema alla perfezione? No, vediamo cos’è allora con un paio di simpatiche analogie.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Essere indipendenti emotivamente vuol dire non rovinarsi l’esistenza. Di certo non vuol dire non arrabbiarsi mai, non perdere mai le staffe, non rispondere a tono e lasciarsi sempre scivolare tutto. Siamo umani…  Anzi, siamo esseri limbici. Cioè con un cervello limbico che ha tutto il diritto di farsi sentire del cervello “evoluto”, la neocorteccia.

Se fosse per la neocorteccia saremmo tutti più razionali, ponderando posizioni, soluzioni… ragioneremmo… ma saremmo lenti come delle lumache a fare praticamente tutto, anche a reagire all’anello di fidanzamento offerto in ginocchio dal fantastico e amato futuro marito.


Corso dal vivo

Vuoi migliorare alcune relazioni sul lavoro o in famiglia? Vuoi gestire meglio le tue emozioni? Vuoi avere più tempo per pensare a cosa VOLER fare/essere/avere e non a cosa non volere più?  » Offerta in corso » TUA per 150€ anziché 180€

Voglio spaperne di più


Se ragionassimo su tutto, alla proposta di matrimonio voluta e perfetta diremmo qualcosa come:
«Aspetta che ci ragiono su, potrebbe capitare che smettiamo di amarci, che tra 20 anni ne abbiamo piene le scatole l’uno dell’altra. Potremmo invece amarci fino alla fine dei giorni. Aspetta che penso alle percentuali di successo e fallimento per la nostra coppia. Aspetta che mi faccio un test di compatibilità e poi ti do una risposta.»

Ecco questo sarebbe un ragionamento da neocorteccia! Quindi, se facessimo governare la nostra vita dalla neocorteccia sarebbe un pasticcio colossale e visto che le emozioni ci guidano nel mondo è normale che a volte andiamo in tilt!

Essere indipendenti emotivamente per me, e nel libro I segreti dell’Indipendenza Emotiva, è sapersi guardare e sapersi migliorare.

Prevenire anche, e qui sta la chiave:

  1. So che faccio qualcosa anche se non mi va;
  2. Prevengo, lavoro in collaborazione tra mente inconscia e cosciente;
  3. Correggo in sicurezza, cioè con visualizzazioni mentali;
  4. Così che quando vivrò una situazione del genere nella realtà, avrò molte più probabilità di far accadere ciò che ho visualizzato preventivamente se ho lavorato bene con continuità e coerenza.

ASCOLTA QUI IL PODCAST


La speranza e l’indipendenza emotiva non vanno d’accordo: ci vuole programmazione, visualizzazione e ripetizione.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “L’indipendenza emotiva, una lumaca e una proposta di matrimonio!” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, di presentazione del metodo Indipendenza Emotiva. Ciao, grazie e a presto!




Parlati come parleresti alla persona amata. Applica oggi la PNL a tuo beneficio: in famiglia, in ufficio… nella tua mente e nel tuo cuore! Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.















Articoli più letti…


IGIENE EMOZIONALE: cos'è e perché PREOCCUPARSENE IGIENE EMOZIONALE: cos’è e perché PREOCCUPARSENE
Da un secolo la nostra aspettativa di vita è cambiata perché ci prendiamo più cura della nostra igiene personale. Ma cosa succederebbe se tenessimo in conto l’igiene emozionale tanto quanto quella del corpo? Il simpatico psicologo Guy Winch in un…

Due meccanismi di MEMORIZZAZIONE INCONSCIA Due meccanismi di MEMORIZZAZIONE INCONSCIA
Come impara la mente inconscia? Come posso apprendere e – soprattutto – consolidare un nuovo comportamento desiderato? Sfruttando la “ripetizione” e la “velocità”. Noi apprendiamo con questi due meccanismi Due sono i segreti per la…

Paura di FALLIRE VS Paura di RIUSCIRE Paura di FALLIRE VS Paura di RIUSCIRE
Quando si ha un obiettivo può emergere in noi la paura di non riuscirci. Naturale, direi. Paralizzante, a volte. Cosa fare quindi se VOGLIAMO QUALCOSA ma abbiamo paura? Innanzitutto è importante capire la propria paura. Nel mio libro Ascolta i Grilli…





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *