8 + 2 modi per motivarsi a lungo termine

Motivarsi potrebbe anche essere facile, ma motivarsi a lungo termine è difficile in generale, e difficilissimo per alcuni d noi. In questo articolo analizziamo 8 modi + 2 per motivarsi e restare motivati fino a che non è sarà necessario.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Nel dizionario, “motivarsi” è quell’insieme di ragioni che fanno agire, il desiderio di raggiungere qualcosa. Le persone motivate si distinguono dalle altre perché procedono verso l’obiettivo nonostante le cadute e le difficoltà. Si rialzano, pensano che sia normale e procedono come se niente fosse. Vediamo in questo articolo come motivarsi a lungo termine “forzando” un po’ la mano sulla nostra mente inconscia.

Lo sappiamo, e lo dicono veramente tutti, la forza di volontà non basta: le abitudini, le passioni, gli obiettivi sono gestiti dalla mente abitudinaria… quella limbica, quella delle emozioni, quella che non fa perché pensa che sia giusto: lei fa perché SENTE che è giusto!

8 modi per motivarsi a luuuungo termine


  1. Tieni gli occhi sull’obiettivo. Come già analizzo nell’articolo sulle submodalità visive per motivarsi, dobbiamo tenere gli occhi della mente sull’obiettivo. Non solo, dobbiamo fare zoom sull’obiettivo, senza distrazioni intorno e dobbiamo renderlo piacevole e desiderabile. Come? Aggiungendo colore, luminosità, magari anche un po’ di brillantini, perché no?

  2. Coltiva un buon senso di autoefficacia. Curare la stima di sé, e soprattutto, il senso di auto-efficacia è fondamentale. Se credo che raggiungere tale obiettivo non dipenda da me, ma dal caso, da altri o dalla furtuna… be’, la motivazione va a ramengo! Come faccio a sviluppare il senso di autoefficacia? tengo conto di ciò che dipende da me e come posso influenzare io il successo dell’azione. Mi ricordo di cosa ho ottenuto in passato, grazie alla perseveranza e al mio coinvolgimento personale. Cosa facevo? Quanto facevo? E cosa mi dicevo se sbagliavo? Come mi limitavo a gestire me e solo me, senza tenere conto di ciò che poteva succedere di incontrollabile?

  3. Parlati in modo incoraggiante. Il dialogo interno è un fortissimo e velocissimo motivatore e, se ben coltivato a lungo termine, può veramente portarci al raggiungimento dell’obiettivo. Nel mio altro articolo sull’igiene emozionale, lo psicologo condivide lo storico fallimento delle “Positive Affirmation”. Non si può andare davanti allo specchio e dirne di così grosse che non ci crediamo, che sembrano false, irreali. Questo è stato il grande errore comune con le “Positive Affirmation”. Se invece restiamo nella sfera del possibile, del credibile anzi, allora Guy Winch, le definisce “Self Affirmation”. Con queste rendiamo semplicemente palesi delle qualità del nostro carattere che crediamo veramente essere positive e utili al raggiungimento dell’obiettivo. Io sono una persona affidabile, sono gentile, generosa, rispettosa, imparo in fretta, mi adatto bene… Tutto ciò che credo già essere vero può essere associato all’obiettivo e aiutarci a motivarsi a lungo termine. Nel mio audio formativo “Cresci con le parole” sottolineo proprio l’importanza del dialogo interno e delle Domande Utili.

  4. Dipingi tutto ciò che ti piace di questo obiettivo. Dipingi in dettaglio ciò che sarà, ciò che farai, chi sarai diventato. Come un quadro di Hopper, che sembra una fotografia piena di dettagli, anche il tuo film di ciò che sarà deve essere pieno di dettagli positivi. Elencali e poi immaginali nella tua mente collocati nello spazio. Creaci un film in movimento. Un film che ti fa sentire bene.

  5. Ispirati a persone altamente motivate. Non a caso la cover di questo articolo si ispira a lui, guardarsi i film della serie “The Rocky” è motivantissimo, ispirarsi a autobiografie di persone che hanno vissuto il sacrificio come parte integrante del percorso. Leggere testimonianze di chi ha già raggiunto il tuo obiettivo e prepararsi emotivamente al successo tanto quanto alle varie difficoltà.

  6. Elenca tutti i vantaggi che otterrai e vivrai con questo obiettivo. Scrivi tutto, ma proprio tutto, ciò che potrai fare, sentire, essere dopo aver ottenuto il tuo obiettivo. Questo senso di completezza ti motiverà tantissimo. Sulla Ruota della vita trova vantaggi nei vari aspetti della tua vita: famigliare, emotivo, lavorativo, di crescita personale…

  7. Suddividi l’obiettivo in fattibili micro-obiettivi. Rendendo gli obiettivi a portata di settimana o mese (non di più) e rendendoli visibili, immaginabili, percepibili, sono più reali e prossimi. Sarebbe difficilissimo motivarsi a lungo termine se riuscissimo solo a vedere quel puntolino di svolta – lì – lontano. Spezzettando l’obiettivo in micro-obiettivi, alimenti la motivazione quotidianamente e nutri il suo fuoco ogni volta che un micro-obiettivo non è raggiunto.

  8. Mantieni un’atteggiamento da problem solver. Anche se dipingi la strada nei minimi particolari, ti vedi arrivato e ti vedi procedere, ci saranno sempre degli imprevisti. Coltiva l’atteggiamento “problem solving”: ricordati quando hai risolto problemi che sembravano insormontabili, utilizza lo strumento delle Domande Utili di cui parlo al corso dal vivo di Indipendenza Emotiva, guarda al problema per uscirne… sempre con un passo davanti.

Altri due modi per motivarsi a lungo termine


Ok, e a quei 8 precedenti, aggiungerei i seguenti:

  • +1. Ridici sopra se non rispetti i tempi! Sii flessibile sui tempi ma non sul risultato. Tenendo conto degli imprevisti della vita, non accanirti se proprio non è il momento, ri-schedula e passa al mese successivo… anche ai sei mesi successivi. Cosa saranno mai 6 mesi in più in una vita intera!

  • +2. Chiedi aiuto. Non puoi fare tutto da solo e a volte è necessario chiedere aiuto per procedere bene. Fallo. Chiedi aiuto a amici, partecipa a forum, resta connesso con gruppi utili sui social, fatti aiutare da un coach esperto.












Parlati come parleresti alla persona amata. Applica oggi la PNL a tuo beneficio: in famiglia, in ufficio… nella tua mente e nel tuo cuore! Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.





Potrebbe piacerti anche…

Prepararsi per vincere "Tutti vogliono vincere, non tutti vogliono prepararsi per vincere" - Paul Bear Bryant OBIETTIVO IN PROGRESS. Paul Bryant fu allenatore di football americano e a volte viene citato per frasi come quella che ho appena scritto. Alla fine, "prepararsi per vincere" è ciò che ci serve, è ciò che...
5 cose da fare quando si smette di fumare E' arrivato il momento di smettere veramente? Ieri o l'altro ieri hai deciso di smettere e così hai fatto? Ora però stai vivendo le prime difficoltà e vuoi una mano. Eccoti cinque suggerimenti preziosi per superare la prima settimana e il primo periodo che deve rivedere il riassesto della pro...
7 perché si ricomincia a fumare Sembra sempre il solito disco che gira... Il mio lavoro è proporre cambiamenti partendo da se stessi e dalla propria mente. Il rischio più grande quando si lavora con se stessi è quello di "fallire" (per alcuni anche solo una volta) e di ritrovarsi punto a capo! Per esperienza, vedo che la d...
Robert Cialdini e le scorciatoie inconsce Robert Cialdini ci presenta da decenni le 6 scorciatoie inconsce che la nostra mente adotta per prendere delle decisioni, apparentemente ragionate, nella vita di tutti i giorni. Nel video blog precedente a questo, Robert Cialdini e le scorciatoie mentali, ti ho parlato in dettaglio delle prim...

Comments 2

  1. Salve Debora,
    La ringrazio per i suoi video e i Suoi articoli li trovo veramente utili e mirati .
    Ho una domanda da porLe perché non ho trovato mai nulla nemmeno sul web al riguardo.
    Nel dialogo interno può capitare di limitarsi ricordandosi delle frasi negative che ci sono state dette come se quella persona fosse proprio la davanti a ripetercele.

    È una paura immaginaria oppure potrebbe essere un attaccamento/resistenza all’abitudine/cambiamento?!?.
    La ringrazio in anticipo
    Un saluto

    1. Post
      Author

      Buongiorno Valentina, certo che può succedere e in PNL esiste letteratura e esercizi sulle submodalità a riguardo.
      Se la frase la si percepisce come detta da una figura educativa dle passato (di solito), la si “riconosce” con un certo tono, velocità, volume e maggiormente da un orecchio piuttosto che un altro… Mi spiego, la senti più famigliare a DX o a SX o davanti o dietro per esempio. Già il fatto di spostarla CAMBIA la percezione e quindi la rende MENO riconoscibile dalla nostra memoria emotiva. Prova e se hai bisogno posso aiutarti in coaching.
      Un caro saluto,
      Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *